Top 5 da non perdere a Perugia


Anche quest'anno l’Eurochocolate 2017 di Perugia si conferma un grande appuntamento per gli amanti del cioccolato.

Il centro storico di Perugia brulica di festosi stand con l'imbarazzo della scelta per i golosi che possono scegliere tra i più svariati tipi di cioccolato e delizie.

Ce n'è per tutti i gusti: fondente, al latte, bianco, alle nocciole, ma anche al peperoncino, al pistacchio, alle fragole, al caffè, al rum…

La città si anima di turisti e viaggiatori di tutto il mondo che hanno reso Perugia una città di fama mondiale, inserita persino nel Gran Tour dei grandi artisti dei primi del Novecento.

Dickens ne parlava come una città incantevole e meravigliosa nel suo diario di viaggio Pictures of Italy.

Se vi trovate a Perugia, non potrete fare a meno di ammirare le bellezze artistiche di questa città, centro di eccellenza dell’Arte.


Potente centro etrusco e poi romano, l’Antica Perusia diventa importante città medievale conservando fino ad oggi tracce preziose dei suoi luminosi periodi storici.



Perugia at a glance

Per chi non dispone di molto tempo per visitare la città, assolutamente da non perdere è l’incantevole centro storico.



Rocca Paolina
Porta d’ingresso all’acropoli è la Rocca Paolina, un complesso storico-architettonico che contiene la città medievale nascosta al suo interno.
Attraversando la Rocca con le scale mobili, tra vestigia storiche e suggestioni contemporanee, si sale all’antico Borgo.
Percorrendo la strada più importante della città, Corso Vannucci, si arriva in Piazza IV Novembre, il vero cuore della città.

One-day tour: il centro storico



Piazza IV novembre è una delle più belle piazze d’Italia, è il centro monumentale della città di Perugia attorniata da eleganti edifici dove sorge la duecentesca Fontana Maggiore.


Da qui si può ammirare la statua bronzea dinanzi alla fiancata della Cattedrale di San Lorenzo, risalente al Trecento.

Sulla parte opposta della piazza, di fronte alla Cattedrale, sorge lo splendido Palazzo dei Priori che rappresenta uno degli esempi più raffinati ed interessanti dell’architettura gotica.
Il Palazzo venne in parte realizzato alla fine del XII secolo, in parte all’inizio del XIII. La facciata è caratterizzata da una grande scalinata che dà accesso alla Sala dei Notari . In alto, poggianti su delle mensole, i simboli di Perugia: il grifo ed il leone.


Proseguendo su corso Vannucci incontrerete la Galleria Nazionale dell’Umbria , che occupa parte dell’interno del Palazzo dei Priori e conserva la più importante e ricca raccolta di pittura umbra.
Al pianterreno del Palazzo dei Priori si trovano poi la Sala del Collegio della Mercanzia e quella del Collegio del Cambio, dove i banchieri praticavano il cambio delle monete.


Top 5 da non perdere

1) Fontana Maggiore


Simbolo di Perugia, è considerata la fontana più bella e famosa di tutto il Medioevo.

La fontana è costituita da due vasche poligonali in pietra bianca e rosa, sormontate da una tazza in bronzo; al centro della tazza si trova un gruppo bronzeo di tre ninfe portatrici d’acqua che sorreggono un’anfora, dalla quale sgorga il fiotto.

Le formelle della vasca inferiore riproducono scene del Vecchio Testamento, della fondazione di Roma, un ciclo di calendario di lavori agricoli intercalati dalla rappresentazione dei relativi segni zodiacali. Segue il ciclo delle sette “arti liberali” e della Filosofia.
Tra le “arti meccaniche” e quelle “liberali” si trovano i bassorilievi del grifone, simbolo araldico di Perugia, e del leone, simbolo dei Guelfi.
Il ciclo delle arti liberali si conclude con una coppia di aquile, su una delle quali Giovanni Pisano ha lasciato la firma.


2) Chiesa di San Lorenzo


La proto-chiesa risale al III secolo, fu costruita ove sorgeva l’antico foro della città etrusco-romana.

L’edificio fu ricostruito tra l’XI e il XII secolo e poi riedificato nel 1300.
La Chiesa di San Lorenzo presenta una facciata semplice, la sua austerità è interrotta solo dal massiccio portale barocco.

L’interno è a tre navate tripartite. Le volte, sostenute da pilastri ottagonali, furono decorate nel Settecento da F. Appiani, V. Monotti e V. Carattoli.


3) Palazzo dei Priori



Edificio comunale di epoca gotica, tra i più importanti d’Italia, il Palazzo dei Priori si affaccia su Piazza IV Novembre.

La sua massa severa viene snellita dai due ordini di bellissime trifore gotiche.
Il corpo primitivo del Palazzo fu realizzato tra il 1293 e il 1297.

Sono seguiti due ampliamenti, di cui il secondo  aggiunse sul lato del Corso altre sei trifore, il grande portale e la torre, originariamente merlata.

Il terzo ampliamento (1429-1443) ha portato all’aggiunta di altre tre trifore ed il sottostante Collegio del Cambio. Un quarto ed ultimo ampliamento, sul versante posteriore, avvenne nel Cinquecento.

Il perimetro merlato del tetto, simbolo del potere indipendente comunale, venne demolito su ordine papale nel 1610: i merli riappariranno solo con l’Unità d’Italia, nel 1860.


4) Corso Vannucci


Il corso è intitolato al grande pittore rinascimentale Pietro Vannucci, più celebre con lo pseudonimo de Il Perugino, che fu allievo del Verrocchio e maestro di Raffaello.

Corso Vannucci corrisponde all’antico cardo etrusco-romano e in età medievale fu il centro della vita politica ed economica di Perugia.

Oggi è la principale via della città, elegante e raffinata: è la via del passeggio, dell’incontro, dello shopping di qualità. I suoi negozi e i suoi locali hanno un’aria signorile ed esclusiva.

5) Galleria Nazionale dell’Umbria

Situata al terzo piano del Palazzo dei Priori nel centralissimo Corso Vannucci, la Galleria Nazionale dell'Umbria è considerata la più vasta e importante raccolta d'arte della regione.

Il suo patrimonio di opere, la maggior parte delle quali realizzate da maestri legati all'Umbria per nascita o per motivi di lavoro, spazia dalla pittura all'oreficeria, dalla scultura ai tessuti, coprendo un periodo che va dal XIII al XVIII secolo.

La Galleria conserva opere del Seicento e del Settecento dei grandi maestri dell’epoca: il Pinturicchio, Orazio Gentileschi, Pietro da Cortona, Sebastiano Conca, Corrado Giaquinto ed altri.


Conclusione

Visitare Perugia sarà un’esperienza unica: una città a misura d’uomo con ricchi musei pubblici e privati, laboratori di artigianato artistico, eventi annuali di fama internazionale come l’Eurochocolate e l’Umbria Jazz Festival, nonché golosità di una cucina tipica e panorami incantevoli sulla valle umbra.

Commenti